Il Modello Relazionale NeuroAffettivo lavora simultaneamente con la fisiologia e con la psicologia delle persone che hanno avuto esperienza di un trauma nello sviluppo. Ci sono cinque temi dello sviluppo della vita che sono essenziali alla nostra capacità di essere presenti a noi stessi e agli altri nel qui e ora: nella misura in cui questi 5 bisogni sono soddisfatti, noi sperimentiamo regolazione e connessione. Ci sentiamo al sicuro e fiduciosi nel nostro ambiente, fluidi e connessi a noi stessi e agli altri, sperimentando una sensazione di regolazione ed espansione. Nella misura in cui non soddisfiamo questi bisogni, sviluppiamo stili di sopravvivenza per cercare di gestire la sconnessione e la sregolazione. All'inizio gli stili di sopravvivenza rappresentano u successo, no una patologia. Tuttavia, poiché il cervello usa il passato per camminare il futuro, questi schemi di sopravvivenza restano fissati nel nostro sistema nervoso e creano un 'identità adottiva ma falsa.

Il Narm si concentra meno sul perché una persona è come è .... ma più su come il suo stile di sopravvivenza distorce l'esperienza che sta vivendo nel momento presente.

Può essere d'aiuto capire come gli schemi sono cominciati, solo nella misura in cui questi modelli sono diventati stili di sopravvivenza che influenzano l'esperienza presente.

Narm usa quattro principi organizzativi:

.sostenere la connessione e l'organizzazione

.esplorare l'identità

.lavorare nel momento presente

.regolare il sistema nervoso

Se le terapie si concentrano sulle mancanze, sul dolore e sulle disfunzioni, il cliente diventerà abile nell'orientarsi verso le mancanze, il dolore e la disfunzione, evitando di favorire l'autoregolazione. Poco alla volta questo lavoro, porta a sentirsi meno vittime della propria infanzia. E' la connessione con il proprio corpo e con le altre persone che porta a una ri-regolazione che guarisce. Ci sono continui flussi di informazioni che vanno dal cervello al corpo e viceversa e anche informazioni che vengono scambiate tra cervello rettile, cervello limbico e la corteccia, il Narm utilizza un approccio che riporta equilibrio nella comunicazione tra le varie parti.

IL MOVIMENTO SPONTANEO DI TUTTI NOI VA VERSO LA CONNESSIONE E LA SALUTE. NON IMPORTA QUANTO ISOLATI E INTROVERSI SIAMO DIVENTATI, NE' QUANTO PESANTE SIA IL TRAUMA CHE ABBIAMO VISSUTO. AL LIVELO PIU PROFONDO, ESATTAMENTE COSI COME UNA PIANTA SI MUOVE VERSO LA LUCE DEL SOLE, C'E' IN CIASCUNO DI NOI UN IMPULSO A MUOVERSI VERSO LA CONNESSIONE.


Tailored by MBE Mantova & Logistic Design